Assessorato alla Famiglia, all’Educazione e ai Giovani del Comune di Roma: Riduzione della distanza tra le istituzioni e i giovani

Nell’ambito delle strategie e degli obiettivi dei progetti di comunicazione on-line dell’Assessorato  sono stati affiancati ai canali di comunicazione web propri dell’Assessorato e a Twitter un canale YouTube e un gruppo Facebook denominati “Roma Capitale dei Giovani”. Per quanto i due servizi abbiano molte caratteristiche in comune non si è operato nell’ottica di una duplicazione di contenuti ma di una scelta legata all’esigenza di offrire due canali di comunicazione complementari sui quali modulare organicamente sia l’informazione che l’interazione con i giovani.

Si è proceduto alla creazione del canale YouTube in quanto i video costituiscono la prima e più specifica forma di comunicazione sociale del web 2.0 per la loro capacità di veicolare in modo immediato e sintetico grandi quantità di informazioni e ad aggregare e rendere comunemente accessibili ai target di riferimento filmati e servizi giornalistici volti ad informare, chiarire e generare interesse e coinvolgimento per le attività, iniziative e progetti promossi e sviluppati dall’Assessorato.

La funzione d’interazione tra Amministrazione e utenti e tra gli utenti stessi è stata delegata peculiarmente al canale Facebook. La scelta di creare un “gruppo” alternativamente a una “pagina” è stata effettuata tenendo conto del fatto che, per quanto le pagine essendo indicizzate dai motori di ricerca facilitano la rapidità di diffusione dei contenuti, esse sono funzionali a un modello comunicazione prevalentemente statico e comunque non multi-direzionale mentre i gruppi essendo delle vere e proprie “community” offrono agli iscritti ampie possibilità d’interazione sia tra loro stessi che con l’Amministrazione.

In relazione alla funzione basilare di comunicazione delle iniziative promosse dall’Assessorato, utilizzando i due strumenti del Web 2.0 in un’ottica cross-mediale, si è provveduto a innescare la cosiddetta carica virale. La strategia di diffusione delle comunicazioni adottata nella strutturazione del gruppo Facebook, finalizzata oltre che a supportare la partecipazione attiva tramite commenti, scambio di opinioni, foto e video anche alla creazione di interazione tra Amministrazione e utenti ha permesso di monitorare pienamente la viralità delle notizie, non solo l’atto basilare di votare un contenuto con un “Like” (Mi Piace) o quello di condividerlo ma soprattutto quello di commentarlo.

La possibilità di postare liberamente sulla “bacheca” non solo proposte ma anche commenti critici alle iniziative intraprese dall’Amministrazione, esigendo un costante impegno in termini di moderazione dei contenuti e di gestione delle richieste d’informazioni, ha comportato la strutturazione di un sistema di redirect degli alert per consentire ai singoli responsabili e interessati di essere avvisati in tempo reale dell’interazione con i media e di filtrare e gestire sia in maniera coordinata che autonoma i contributi.

L’impatto mediatico delle iniziative intraprese dall’Assessorato è stato sottoposto a una costante valutazione sia dal punto di vista prettamente statistico mediante  l’utilizzo di Google Analytics, sia con strumenti d’analisi che permettono di valutare in termini di ritorno d’immagine le interazioni tra informazione e pubblico quali i report di Facebook Insight e YouTube Insight.